un Quadro in Rosso - murderparty

  

Crema, 3 Luglio 2013

L’ultima visionaria opera del contestato artista Frank sarà esposta postuma durante la manifestazione artistica Artshot 2013. La recente dipartita dell’autore, avvenuta in circostanze ancora non chiarite, ha scioccato l’ambiente dell’arte contemporanea. Riuscirà la sua ultima, controversa, opera a gettare una nuova luce sulla sua vita e i suoi ultimi momenti?

Un grandioso murderparty ambientato nel mondo dell’arte.

Cosa è e come si gioca

Tipo di gioco: larp
Regolamento: murderparty
Durata: 150 minuti (divisi in 2 tempi)
Numero di giocatori: 5-20
Età giocatori: 16+

Le modalità di gioco sono semplicissime: diventare i protagonisti!

Un murderparty è un gioco di interpretazione in cui ogni giocatore diventa il protagonista di un racconto, interpretando il ruolo di un personaggio la cui storia e psicologia sono delineate in un piccolo taccuino consegnato prima dell’inizio del gioco.

Durante il gioco una storia si disvelerà attraverso i racconti dei personaggi, permettendo di investigare sulle vicende di ciascuno e scoprire il colpevole del delitto.

Più i giocatori interpreteranno a fondo il proprio personaggio, più il gioco si farà coinvolgente: i pensieri, i tic, il modo di vestire, di muoversi e di parlare…

I murderparty che creiamo all’interno del laboratorio ludico creativo il Cristallo dell’Aleph si svincolano dalla visione di attori professionisti che interpretano un ruolo. Sono i giocatori ad interpretare la storia. Sono i giocatori che, seguendo il taccuino, donano vita ai personaggi che interpretano. Il nostro modo di intendere il murderparty è quindi assolutamente orientato al gioco e non allo “spettacolo” da seguire passivamente. Tratteggiare la personalità, dipingere a vivi colori le mille sfaccettature di un personaggio: ecco ciò che i giocatori sono chiamati a fare.

Oltre che, naturalmente, scoprire il colpevole del delitto.

…o non farsi scoprire…

Prenotazione al Gioco

Se ti interessa giocare o metterlo in scena scrivici una mail a rpg@cristalloaleph.it.

Giulio Gargioni

Designer sperimentale di giochi di ruolo, vincitore del premio Remo Chiosso 2013, insieme ad Ivan Bonizzi, con il murderparty “Notizie dall’Artico”, ideatore e co-organizzatore della manifestazione “Crema di Giochi”.

Convive con tre piccoli fratellini verdi divoratori di dolci e ricopre il ruolo di “Sacro Portatore del Crocchino” per il clan dei j’zarghi.

Incidentalmente anche ingegnere Software e Firmware per Strumenti di Misura Embedded.