J'Shajirr non ha rubato niente. J'Shajirr è innocente di questo crimine
J’Shajirr non ha rubato niente. J’Shajirr è innocente di questo crimine

Suggerita forse dalle nevicate dell’ultimo periodo, nel Cristallo dell’Aleph è nata l’ispirazione di giocare qualcosa di epico: un’esperienza che soddisfacesse i sensi e la fame di avventura, e che potesse essere ricordata piacevolmente davanti ad un bel fuoco e cantata dai nostri (stonati) bardi nei tempi a venire.
A partire da questi ingredienti, una ricetta è balzata subito alla mente: una giornata a tema ambientata nelle fredde terre settentrionali di Tamriel, così come appaiono nell’apprezzatissimo gioco “The Elder Scrolls V – Skyrim“. Portata principale, naturalmente, una bella sessione di gioco di ruolo in giro per le rovine innevate, da Markarth a Riften.

Ma occorreva qualcosa in più. Per citare le parole del Gourmet, misterioso chef nascosto nei recessi di Skyrim, “per rendere questa ricetta davvero magnifica occorre l’immaginazione di un cuoco veramente ispirato. Possedete voi questo dono?”

Ecco così, in risposta a questa domanda, nascere un piatto succulento che abbiamo chiamato “Un Assaggio di Skyrim”: un evento fortemente immersivo in cui gli avventurieri del Laboratorio esploreranno sì le nove Fortezze, ma solo dopo un vero pranzo a base di ricette Nord tradizionali consumato alla luce della viva fiamma in una tipica taverna di Skyrim!

“Un Assaggio di Skyrim”, nella forma di un evento privato ad invito, si svolgerà nella giornata di Sundas, 1 First Seed (Domenica 1 marzo).

Il Laboratorio è già al lavoro per ricreare il più fedelmente possibile, pur nella limitatezza dei mezzi disponibili, una taverna di Skyrim: le locande “Bannered Mare” di Whiterun e “Winking Skeever” di Solitude saranno le principali fonti di ispirazione.

Il risultato dell’allestimento offrirà agli avventori arredi in legno, arazzi, numerose candele, stoviglie di terracotta, mazzi di erbe appesi ad essiccare, bardi dal Collegio di Solitude e persino una “taverniera” molto brava a preparare i dolci…

Il pranzo seguirà le tradizioni della terra di Taols, offrendo un menù degno dello stesso Gourmet.

Primi piatti

  • Fonduta di Elsweyr (per i soli avventori khajiit)
  • Stufato di cavoli e patate

Secondi piatti

  • Stufato di selvaggina

Contorni

  • Porri grigliati
  • Formaggio Eidar

Dolci

  • Sweetroll (non disponibile in caso di furto; gli aspiranti ladri si intendono avvertiti che la taverniera, essendo anche una Fanciulla degli Scudi, pianterà loro una freccia nel ginocchio senza preavviso)

Bevande

  • Idromele Black-Briar
  • Pozioni assortite, in appropriati flaconi alchemici
  • Acqua di fonte

Al termine del pasto e delle libagioni, gli avventurieri partiranno direttamente dalla taverna per una sessione di gioco di ruolo interpretativo al tavolo: durerà 3 ore circa e utilizzerà le regole di “World of Wonders”, un gioco di ruolo sviluppato storicamente all’interno del Laboratorio e in grado di rappresentare ogni tipo di personaggio.

Con le proprie epiche gesta, i giocatori si guadagneranno il proprio posto nelle ballate, proprio accanto a Ragnar il Rosso…

Per l’immagine: Darren Geers
Skyrim and its logo are trademarks of Bethesda.All Rights Reserved

Giulio Gargioni

Designer sperimentale di giochi di ruolo, vincitore del premio Remo Chiosso 2013, insieme ad Ivan Bonizzi, con il murderparty “Notizie dall’Artico”, ideatore e co-organizzatore della manifestazione “Crema di Giochi”.

Convive con tre piccoli fratellini verdi divoratori di dolci e ricopre il ruolo di “Sacro Portatore del Crocchino” per il clan dei j’zarghi.

Incidentalmente anche ingegnere Software e Firmware per Strumenti di Misura Embedded.