solvers

  

“Ventisei settori in altezza per ventisei in larghezza: diciassettemilasettecentosettantasei settori.”

Quattro inconsapevoli persone, tra loro sconosciute, imprigionate in un alienante labirinto di stanze dove l’orrore e la morte sono in agguato ad ogni passo. Rinchiuse come pena di una indicibile colpa, per espiare con la propria vita? Vittime di un macabro gioco? Soggetti di un crudele esperimento?

Il primo chamber larp ideato completamente dal laboratorio ludico creativo il Cristallo dell’Aleph; un gioco di ruolo dal vivo che immergerà i partecipanti nella tensione di una esperienza ove ogni singola azione, ogni singolo pensiero potrà costituire un passo verso la propria salvezza oppure un pericolo mortale.

90 minuti di tensione per quattro giocatori con almeno ventuno anni di vita sulle spalle.

Hai vissuto abbastanza per permetterti di morire… e di uccidere per la sopravvivenza?

Cosa è e come si gioca

Tipo di gioco: chamber larp
Regolamento: freeform
Durata: 150 minuti (90 minuti +briefing iniziale +debriefing)
Numero di giocatori: 2-4
Età giocatori: 21+

Le modalità di gioco sono semplicissime: diventare i protagonisti!

Seguire le tracce e le poche regole spiegate poco prima dell’inizio del gioco e poi lasciarsi andare: improvvisare, scolpire nella propria voce e nei propri gesti una nuova identità. Il divertimento è assicurato!

Prediligendo la pura interpretazione teatrale, con una minima scaletta, nella migliore tradizione del teatro di strada, i giocatori diventeranno i protagonisti di una storia che contribuiranno loro stessi a creare.

Prenotazione al Gioco

Se ti interessa giocare o metterlo in scena scrivici una mail a rpg@cristalloaleph.it.

Giulio Gargioni

Designer sperimentale di giochi di ruolo, vincitore del premio Remo Chiosso 2013, insieme ad Ivan Bonizzi, con il murderparty “Notizie dall’Artico”, ideatore e co-organizzatore della manifestazione “Crema di Giochi”.

Convive con tre piccoli fratellini verdi divoratori di dolci e ricopre il ruolo di “Sacro Portatore del Crocchino” per il clan dei j’zarghi.

Incidentalmente anche ingegnere Software e Firmware per Strumenti di Misura Embedded.